Personal

A mio padre. L’amore è l’ingrediente segreto della fotografia

9 Giu 2018

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

Quando penso a cosa voglio fare da grande,

anche se io grande lo sono già, (ma poi che significa grande?) non so rispondere subito ma torno indietro nel tempo. Ricordo di essere sempre stata una bambina pensierosa e taciturna, con i capelli corti, le gonne a palloncino e una fantasia molto sviluppata.

Sognavo in maniera ricorrente di volare, e non si contano sulle dita delle mani tutte le volte che ho provato a farlo lanciandomi dalle sedie: guardare le mie ginocchia per credere.

Ho immaginato di fare tante cose crescendo, e un bel po’ ne ho fatte, ma abbandonandole perché sentivo che non erano quelle giuste. Quando mi chiedevano cosa avrei voluto fare da grande immaginavo tutto, mi perdevo e tentennavo. A volte rispondevo con immagini gloriose di mestieri pretenziosi o irraggiungibili, alcuni li ricordo e altri no. Però quello che ricordo bene è che in ogni immagine del futuro mi vedevo sorridente, sempre. Non avevo ben chiaro cosa ma sapevo come, cioè con il sorriso.

Quando ero piccola mamma mi ripeteva che non dovevo mai smettere di credere nelle mie potenzialità, quelle che spesso non vedevo ma che lei raccoglieva come le conchiglie sulla spiaggia per mostrarmele. Papà mi portava in giro in auto a guardare i tramonti e sognare, insegnandomi a racchiudere i ricordi in uno sguardo e in uno scatto. Insieme mi incitavano nella creatività quotidiana, del gioco e poi della vita. Insieme mi hanno insegnato la pazienza dell’attesa, insieme e a fatica hanno supportato le mie scelte, non senza litigi.

Ho ereditato da mamma la forza, la caparbietà, la creatività, il bisogno di stare con gli altri.

Ho ereditato da papà la sensibilità, la timidezza, il sorriso, il bisogno di starmene da sola.

Sono sempre stata pasticciona, nel senso che avevo sempre le mani impasticciate di colori, gessetti, colla, farina, argilla, acrilici, qualsiasi materia doveva passare tra le mie mani. Non ho mai pianto perché avevo le mani sporche, mi faceva sentire partecipe e in sintonia all’attività che stavo svolgendo. E sorrido ripensando alla scena del film di Amélie mentre infila le mani nella cesta di cereali. Oggi penso che le mani sono estensioni di cuore. Mi piace accarezzare, accudire e mantenere quello che amo. Mi piace creare e modellare con le mani. Ho iniziato a immaginare il mio futuro vestita da artista/pittrice, in uno studio immenso con enormi tele su cui avrei dato vita alle traduzioni delle mie emozioni. Ma, come solo poco più tardi avrei scoperto, solo quando facevo fotografie mi sentivo davvero libera. Con le mani potevo fermare il tempo e post produrlo anche: questo non è un mestiere, è una magia! Mamma non ha mai smesso di sperare in un lavoro stipendiato per bene, papà non hai mai smesso di mostrami foto.

Quando mi chiedono cosa voglio fare davvero da grande mi guardo le mani e penso che voglio fare fotografie.

Stamattina ho riguardato i vecchi archivi analogici di mio padre. Vorrei che fosse qui per chiedergli tante cose. Il mio più grande fotografo è sempre stato di fianco a me, mi ha mostrato la strada di quello che sarebbe stato il mio futuro.

Stamattina ho trovato l’ingrediente segreto delle foto del mio papà: l’amore. L’amore con cui guardava il mondo, l’amore con cui guardava me crescere e supportava mia madre nella loro vita insieme. L’amore per la vita. Per quello non esiste tecnica da imitare. Quella è la passione vera. Quella è la passione che mi ha trasmesso. Quindi sì, quando mi chiedo e mi chiedono cosa voglio fare da grande io so che voglio fare le foto come faceva mio padre, con l’amore e con la passione.

 

Una serie di scatti dall’archivio analogico di Paolo Borrelli, mio padre.

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | natura | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | venezia | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | panorama | dettaglio | venezia | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | landscape | natura | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | landscape | mare | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | venezia | viaggio | tramonto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | viaggio | notturna | pisa | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | famiglia | natale | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | coppia | natale | interior | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | venezia | archivio fotografico | panorama

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | bianco e nero | landscape | natura | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | interior | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | donna | ritratto | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | mare | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | panorama | torre annunziata | archivio fotografico

paolo borrelli | fotografia analogica | rhamely | uomo | ritratto | bianco e nero | archivio fotografico

Instagram@rhamely